Sogno nel bosco

Mia Driade, l’antica eterna quercia abiti e con essa libera danzi selvaggia, nella penombra boschiva, mentre i ricci tuoi castani arieggiano come polline e i sensi miei inebriano della musica immortal del corpo tuo, mia fanciulla, o sacra cerva di Artemide, nel tuo seno sorvola il mio pensier, e beato è il tuo sospir che delicatamente fra le labbra tue si immerge. Mentre mi risveglio occhi Calanti nascondono l’ambra del tuo color. è sera, tu svanisci, ed io ai piedi della tua quercia venero l’oro della tua scia.

Simone De Bernardin.

BIBLIOGRAFIA

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

COMMENTI

ARTICOLI CORRELATI

Le nostres storie direttamente nella tua mailbox