Storia

Il genocidio dimenticato del Secondo Reich in Namibia

Von Trotha dichiarò che qualsiasi esponente delle tribù presenti all’interno dei confini tedeschi, a prescindere dall’età e dalla sua partecipazione o meno alla rivolta, sarebbe stato eliminato senza pietà per dare un esempio….

L’eccidio di Maiano Lavacchio, una strage fascista

Un gruppo di renitenti alla leva, nell’inverno tra il 1943 e il 1944, per sfuggire alla chiamata nell’esercito della Repubblica Sociale Italiana, si ritirarono proprio in questa zona, sulle colline vicino a Istia d’Ombrone….

Il piroscafo Oira, la tomba di 4000 soldati italiani

Il carico umano era costituito prevalentemente da prigionieri italiani. Salpò da Rodi scortata dalle torpediniere TA 16, TA 17 e TA 19, direzione Pireo. A bordo vi erano 4046 militari internati (43 ufficiali, 1189 sottufficiali, 3885 soldati), 90 tedeschi e l’equipaggio….

ALESSANDRO BORGOGNO igp5805-1-2

Gli orologi del Vajont

Una serie di orologi ritrovati fra il fango e le macerie. A vederli ci si immagina facilmente il valore che potevano avere, nel 1963, quegli orologi per le persone che li portavano. Oggetti preziosi, utili, prestigiosi anche per le persone umili quando non povere, che proprio nel portare un orologio così trovavano motivo di dignità e riscatto.
E naturalmente le lancette… tutte orrendamente ferme su un unico orario.
Intorno alle 22 e 45….

Bemberg: nasce dal cotone, splende come seta

Questa storia affonda le proprie radici alla fine del 700 in Germania dove il commerciante Johann Peter Bemberg rivendeva, nella natia Elberfeld, materie coloranti importate dalla Francia e destinate ad industrie tessili, divenendo in breve proprietario di varie fabbriche…

Ruth Closius-Neudeck, l’aguzzina di Ravensbrück

Una sopravvissuta a Ravensbrück raccontò, durante un’udienza, che vide personalmente Ruth Closius-Neudeck “tagliare la gola di un detenuto con il bordo tagliente della sua pala”…

28 luglio 1945: l’incidente aereo all’Empire State Building

Il velivolo si schianta tra il 78° e il 79° piano sul lato nord, causando uno squarcio di circa 6 metri.
Le ali si strappano ed un motore viene scagliato sul tetto di un edificio vicino, mentre l’altro, con parte di un carrello, precipita attraverso il vano ascensore. L’esplosione dei serbatoi, carichi di benzina, causano un vasto incendio….

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

COMMENTI

Le nostres storie direttamente nella tua mailbox