Letteratura

Cesare perduto nella pioggia

Chi ha superato i quarant’anni avrà sentito, almeno una volta, la seguente frase cantata da Francesco De Gregori: e Cesare perduto nella pioggia sta aspettando da sei ore il suo amore ballerina….

Carta, penna e calamaio

L’altro giorno sono sceso in cantina a dare una “sistemata”….. 
Levando di mezzo una vecchia coperta è saltata fuori una vecchia e tarlata cassapanca, praticamente da buttare.
La apro e a parte l’odore di naftalina andata a male scorgo sul fondo una scatola di latta dei biscotti Plasmon.
Vi ricordate? Quella gialla…

Pipa e Calvados

Comincia così uno dei tanti racconti scritti da quel genio di George Simenon che hanno come protagonista il Commissario Jules Maigret capo della polizia giudiziaria di Parigi…

Romanzo epistolare: lettera del 23 aprile 1903

Sono trascorsi troppi anni, da quella tua ultima lettera.
Troppo tempo che segna la tua assenza nella mia ormai vecchiaia che si tende stanca al nuovo secolo, tremante come queste mie povere mani, da nuove tensioni nazionali.
Mio fedele amico, quanti eventi della mia vita, hanno patito del sordo vuoto della tua mancanza, ma con il senno che il tempo cortese dona, ho recepito la meraviglia di una fratellanza e amicizia…

Lanciando dadi

“Guaah!” Emise l’ultimo conato, alzò la testa, e pulendosi gli angoli della bocca, disse: “Grazie per esservi fermato”. Poi fissò il coetaneo: “Ieri pomeriggio al

Babbo Natale di sangue. I trascorsi oscuri di Santa Claus

Perennemente affezionato alla sua divisa d’ordinanza rossa bordata di pelliccia bianca, Babbo Natale, o Santa Claus, come lo chiamano gli anglosassoni, ogni notte della vigilia di Natale ha l’abitudine tutta particolare d’involarsi su di una fantasmagorica slitta trainata da renne volanti, allo scopo di distribuire doni ai bambini di tutto il mondo…

1 Filippo Spadoni

Torino, la collina e il mare

Castigava il suo aspetto fisico in tutti i modi, come una ragazza che sia stata giovane e bella e che, delusa da un matrimonio mancato, si ostina a travestirsi da vecchia zitella. Questo il ritratto che Giuseppe Trevisani ci fornisce nei riguardi di Pavese, ed osservando alcune vecchie fotografie in cui è ritratto risulta innegabile la sincera limpidezza della sua analisi. Sembra quasi di scorgerlo nell’appartamento della sorella in via Lamarmora a Torino…

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

COMMENTI

Le nostres storie direttamente nella tua mailbox