Asia

matrimonio-riparatore

Il matrimonio per stupro

Sono attualmente 20 i Paesi nel mondo in cui il matrimonio forzato con il proprio stupratore è ancora legale…..

Nojoud Ali, divorziata a 10 anni

È il 2007. Nojoud ha 9 anni. Suo padre prende la decisione di accettare per lei la proposta di matrimonio di un uomo di 30 anni, Faez. In pochissimo tempo la bambina passa dal gioco alla vita di coppia, con un uomo che la picchia, la costringe ad avere rapporti sessuali, la tratta come una schiava, con la propria madre che vive con loro e assiste complice a questa tragedia ogni giorno, senza fare nulla….

FB_IMG_1609547849398

L’autoimmolazione delle vedove in India

La sati o suttee, in sanscrito significa fedeltà. Viene anche chiamata anugamana, che significa seguire, oppure sahanarana, morte insieme.
Questa antica pratica si traduce letteralmente con il sacrificio della vedova che segue il marito morto sulla pira funebre.
Viene arsa viva. Un parente, dopo aver compiuto a sua volta tre giri attorno alla catasta, appicca il fuoco.
La donna attende di morire fra atroci dolori….

Sepolta viva dai rifiuti

Neha Vasava aveva 12 anni. Il 26 settembre, con Anil, un suo amico di 6 anni, Neha ha deciso di andare alla discarica e di frugare a mani nude tra i rifiuti, per cercare qualcosa da poter rivendere. Improvvisamente il mucchio su cui si trovavano insieme i due bambini è franato e sono stati travolti. …

20201220_185426

10 mesi, sfigurata dall’acido: la storia di Sima

È una notte come tante in un piccolo villaggio rurale del Bangladesh. Un uomo, sposato da meno di un anno, si alza dal letto e va verso quello in cui dorme la sua piccola. Ha solo 10 mesi. La guarda. Prende una bottiglia con del liquido e gliela rovescia sul viso e sul corpo. È acido…

ebru_timtik_avvocata_diritti_civili_morta_sciopero_fame

Morire di protesta in Turchia

Ebru Timtik è morta dopo 238 giorni di sciopero della fame.
Il suo fisico non ha retto alle privazioni di questi mesi.

Rizana Nafeek, condannata a morte per decapitazione

Il 9 gennaio 2013, poco dopo il sorgere del sole, a Damami, città a 400 km a ovest di Riyad, Rizana Nafeek fu condotta davanti al suo boia, vestito di bianco. La attendeva con l’arma in mano, pronto per decapitarla…

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

COMMENTI

Le nostres storie direttamente nella tua mailbox