Rosella Reali

Sono nata nel marzo 1971 a Domodossola, in quella valle meravigliosa che è l’Ossola, giardino dalle bellezze impareggiabili delle Alpi. La passione per la montagna e la fotografia sono il mio motore. Il mio primo articolo con i Viaggiatori Ignoranti risale al 26 luglio 2016: una grande emozione e la nascita di una passione che è cresciuta dentro di me giorno per giorno. Da quel giorno non mi sono più fermata. Ho collaborato con il settimanale Eco Risveglio, dal 2016 al 2018, raccontando storie della nostra valle. Il mio primo libro è del novembre 2018, È una storia da non raccontare, pubblicato con Albatros Edizioni, scritto in collaborazione con Fabio Casalini. Il nuovo sito dei Viaggiatori Ignoranti? È il concretizzarsi di una serie di idee che per anni ho tenuto nel cassetto e che grazie ad una preziona collaborazione si sono concretizzate giorno per giorno. Progetti futuri? Molti e sempre con l’entusiasmo e il sorriso che mi contraddistinguono.

I MIEI ARTICOLI

13 agosto 2021: addio a Gino Strada

Luigi Strada era nato a Sesto San Giovanni, vicino a Milano il 21 aprile 1948.
Nel 1978 si era laureato all’Università Statale di Milano in Medicina e Chirurgia….

malleus_maleficarum

Malleus Maleficarum: lo strumento usato per annientare una donna accusata di stregoneria

Il libro era suddiviso in tre parti: la prima sulla natura della stregoneria, in cui si affermava che le donne erano le predilette di Satana a causa del loro carattere debole e dell’inferiore intelletto. Una ampia e morbosa trattazione riguardava i presunti rapporti sessuali che le streghe avrebbero avuto con i demoni durante i sabba….

Maria Luisa Alessi, la partigiana fucilata a Cuneo

Dopo l’armistizio dell’8 settembre iniziò a partecipare attivamente alla Resistenza.
Iniziò come staffetta della 181a Brigata Morbiducci, che operava in val Varaita, e successivamente partecipò a numerose pericolose missioni….

La strage dell’orfanotrofio di Yeysk

I tedeschi iniziarono a caricare i bambini sui convogli.
Spinte, urla, strattonamenti, il caos era generale. La paura che si leggeva sui volti dei piccoli, suscitava una certa euforia negli uomini impegnati nelle operazioni….

Naufragio di Albenga

Le 48 vittime del naufragio di Albenga

L’imbarcazione, stracarica e sprovvista di ogni mezzo di soccorso, viaggiava a circa 100 metri dalla costa.
Durante la navigazione venne urtato un palo di sostegno dello scarico fognario di Albenga…

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

COMMENTI

Le nostres storie direttamente nella tua mailbox