Claudia Migliari

Primo articolo per i viaggiatori ignoranti 20 settembre 2015. La storia di Claudia inizia in un giorno di fine aprile del 1980. Il luogo dove è nata e cresciuta, il lago di Lugano, terra di confine e di contrasti, dove l’asprezza e il rigore delle montagne cedono il passo alla dolcezza mediterranea dei laghi, forma il suo carattere poliedrico. Da sempre appassionata di tutto ciò che la può portare in epoche lontane, si butta a capofitto sul disegno, sulla musica, sulla storia. Nel 1999 inizia la sua avventura come guida turistica presso una villa rinascimentale, dove ancora collabora. L’attività la coinvolge tanto, che nel 2005 consegue la certificazione ufficiale di guida turistica. Nel frattempo, conclude i suoi studi di lingue (e, naturalmente, storia delle lingue) e inizia a lavorare come traduttore, sua attuale professione. Ha al suo attivo la traduzione di quasi un centinaio di libri sugli argomenti più disparati, dalle fiabe e dalla narrativa per ragazzi, fino a libri di scultura su pietra e su legno e sulla storia della smaltatura dei metalli. Da marzo 2015, Claudia è segretario della Pro Loco del suo paese, Bisuschio, e continua le sue attività artistiche, prosegue con lo studio del canto lirico e… è sempre in giro per chiese o luoghi storici, purché siano antecedenti all’Ottocento! Per concludere, Claudia ha una fluente chioma ribelle e rossa, vive sola con un gatto nero, ha la casa piena di libri e ama studiare e conoscere i principi curativi delle erbe. Che cosa avrebbe pensato di lei un inquisitore?

I MIEI ARTICOLI

I Papi fumatori….

Quella del tabacco in Vaticano è una tradizione storica…..

Leoni, tigri, elefanti, pappagalli, pipistrelli, cani e gatti alla Corte del Papa….

Quando venne eletto Leone X, il re prese la palla al balzo e per dissuadere la Chiesa, inviò al nuovo Papa una sfilza di doni: broccati, oro, gioielli e un gran numero di animali esotici come scimmie, pappagalli, leopardi e, appunto, un elefante albino di 4 anni.
L’elefante venne fatto arrivare a Roma con tutti gli onori, attirando la curiosità della gente….

Perchè ci si bacia sotto il vischio?

Per capire, dobbiamo partire dall’idea che i Celti e i Vichinghi avevano del vischio; una pianta considerata magica, aerea, cioè che non ha bisogno di radici per vivere dato che cresce sui tronchi degli alberi ….

Il “caganer”

La sua valenza così spiritosa la fa apprezzare tantissimo dai bambini.
Ovviamente viene posto in un luogo appartato per rispetto della Natività….

Benedetto XIV, il Papa che diceva le parolacce

Molto amato sia dal popolo che dalla Chiesa, era dotato di grande intelligenza e ironia e, sebbene non fosse un tipo rozzo o scurrile, non teneva a bada la lingua nemmeno nelle udienze ufficiali….

La condanna a morte di Re Luigi XVI

La sera del 20 gennaio, Luigi XVI saluta per l’ultima volta la moglie e i figli per poi ritirarsi nelle proprie stanze….

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

COMMENTI

Le nostres storie direttamente nella tua mailbox