Alessandro Borgogno

Vivo e lavoro a Roma, dove sono nato il 5 dicembre del 1965. Il mio percorso formativo è alquanto tortuoso: ho frequentato il liceo artistico e poi la facoltà di scienze biologiche, ho conseguito poi attestati professionali come programmatore e come fotoreporter. Lavoro in un’azienda di informatica e consulenza come Project Manager. Dal padre veneto ho ereditato la riservatezza e la sincerità delle genti dolomitiche e dalla madre lo spirito partigiano della resistenza e la cultura millenaria e il cosmopolitismo della città eterna. Ho molte passioni: l’arte, la natura, i viaggi, la storia, la musica, il cinema, la fotografia, la scrittura. Ho pubblicato molti racconti e alcuni libri, fra i quali “Il Genio e L’Architetto” (dedicato a Bernini e Borromini) e “Mi fai Specie” (dialoghi evoluzionistici su quanto gli uomini avrebbero da imparare dagli animali) con L’Erudita Editrice e Manifesto Libri. Collaboro con diversi blog di viaggi, fotografia e argomenti vari. Le mie foto hanno vinto più di un concorso e sono state pubblicate su testate e network nazionali ed anche esposte al MACRO di Roma. Anche alcuni miei cortometraggi sono stati selezionati e proiettati in festival cinematografici e concorsi. Cerco spesso di mettere tutte queste cose insieme, e magari qualche volta esagero.

I MIEI ARTICOLI

96a3a-imgp6220-1 Alessandro Borgogno

Yosemite National Park. Un omaggio ad Ansel Adams

Ansel Adams (1902-1984) è stato uno dei più grandi fotografi di sempre. A un certo punto della sua vita si innamorò (impazzi’ letteralmente) per il parco di Yosemite, sul massiccio della Sierra Nevada Californiana. Una valle glaciale da manuale di geografia, una delle primissime zone protette degli Stati Uniti e all’epoca ancora poco conosciuta….

Viaggio dentro Guernica

26 Aprile 1937. Ecco che arrivano fischiando gli stukas, e giù bombe. E Guernica rasa al suolo. Un paesino qualunque, sconosciuto al mondo. Pure col nome un po’ strano. Vattene a ricordare.
Allora ci pensa Picasso, a svegliarsi quella mattina e a decidere che te ne saresti ricordato. Tu e tutto il mondo, per sempre…

Marjorie, la donna che scoprì l’impossibile

Marjorie era nata in Sudafrica, nella cittadina di East London, il 24 febbraio del 1907. Suo padre lavorava per le ferrovie del Sudafrica, le South African Railways. La piccola Maggie nacque settimina, e fortemente debilitata da una devastante difterite rischiò di morire a pochi mesi dalla nascita. Grazie a lei si devono delle straordinarie scoperte sull’origine di una specie animale…

Il Nero e il Bianco

Nell’atrio del Caesar Palace di Las Vegas c’è la statua di un pugile. Si chiamava Joe Louis. La statua non è lì perché abbia combattuto incontri particolarmente importanti a Las Vegas, ma perché a fine carriera era diventato un ospite fisso dell’hotel e del suo casinò…..

La folle guerra nel ventre delle montagne

Quanto segue è la sintesi “rapsodica” di un capitolo del mio libro “Nella valle del Boite”. Ho deciso di riportarlo qui in questa forma perché

Vajont. Il mondo fuori posto

In fondo la tragedia del Vajont, questa allucinante storia italiana, è tutta lì, nella sua incredibile e pazzesca prevedibilità. Nel suo essere la più grande catastrofe naturale scientificamente e pervicacemente cercata e provocata dall’uomo, dall’arroganza dell’ingegneria civile che doveva dimostrare la sua potenza a costo di stuprare la natura…

Oltre quel monte il confine, oltre il confine chissà

Ci sono canzoni che per qualche motivo ci segnano fin dall’infanzia, e in un modo o nell’altro ce le portiamo dietro tutta la vita, per ragioni che molto spesso non saremmo neanche in grado di spiegare.
Per me una di queste è “La casa di Hilde”, incisa da Francesco De Gregori nel 1973 a firma sua e di Edoardo De Angelis..

94423-1

L’Enrico IV di Caravaggio

Nella chiesa di San Luigi dei Francesi a Roma c’è uno di quei tanti musei gratuiti che solo la città più straordinaria del mondo è capace di regalare. Sono i tre famosi quadri del ciclo di San Matteo, realizzati da Michelangelo Merisi detto il Caravaggio fra il 1599 e il 1602, che riempiono di una densità quasi insostenibile la cappella Contarelli, in fondo alla navata sinistra….

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

COMMENTI

Le nostres storie direttamente nella tua mailbox