Ljubica Gabric-Calvesi, la più grande discobola italiana

Tempo di lettura: 2 minuti

Ljubica Gabric-Calvesi, fu una grande atleta e giornalista, impegnata ad aiutare i ragazzi che si volevano avvicinare allo sport
Gabre Gabric 01-2

Ljubica Gabric-Calvesi, detta Gabre  è  nata a Imoschi,  il 17 ottobre 1914.
Gabre è  stata una  eccezionale discobola italiana, ma non solo questo.
Ha saputo donare la  sua passione  agli altri.
Nata in Dalmazia, all’epoca parte dell’Impero austro-ungarico, ha sposato il tecnico federale Sandro Calvesi, storico allenatore di ostacolisti e velocisti.
Dalla loro felice unione e nata una figlia,  Lyana, che ha sposato Eddy Ottoz: la Gabric è pertanto anche nonna degli atleti Laurent e Patrick Ottoz.
Diventata giornalista dopo il ritiro, ha fatto tantissimo per i giovani e per gli sportivi in generale.
Vorrei ricordare la sua carriera, assolutamente  esemplare, in modo semplice, perché forse non tutti la conoscono.
Gabre ha partecipato a due Olimpiadi con il lancio del disco , a Berlino 1936, e dopo la 2°guerra mondiale , nel 1948 a Londra ,come capitana della squadra risultando 9^.
Ha preso parte a due  Campionati Europei, classificandosi 6^ nel 1938 a Vienna e 7^ a Bruxelles nel 1950.
Per 22 volte ha indossato  la maglia azzurra della Nazionale Italiana.
Ha migliorato 7 volte il record  italiano della specialità del lancio del disco.
Detiene  inoltre 4 titoli toli come Campionessa italiana.
Ma la cosa più straordinaria  di questa donna è  che ha  ripreso a gareggiare a 85 anni nella categoria master, stabilendo record mondiali e europei nei lanci fino a 97 anni.
Anche come giornalista la sua carriera è  stata eccellente e piena di nota.
Gabre è  la prima donna in Italia a scrivere sulle testate nazionali sportive specializzate, Gazzetta dello Sport e Tuttosport.
Ha lavorato per molti anni per  Telenord.
Nel 1950 fonda col marito Sandro l”Atletica Brescia 1950, diventando allenatrice e dirigente.
Nel 1952  ha partecipato come inviata della Gazzetta dello Sport alle Olimpiadi di Helsinki, mentre nel 1960 è stata vice capo ufficio stampa alle Olimpiadi di Roma.
Gabriele è stata molto attiva anche nella sua città, Brescia, insegnando educazione fisica a tutti i ragazzi delle scuole e organizzando corsi per anziani, che ha seguito personalmente fino a 97.
Durante la sua vita ha ricevuto molti premi e riconoscimenti, da tutte le più importanti associazioni sportive nazionali ed internazionali.
Ljubica Gabric-Calvesi, detta Gabre, è stata una donna instancabile, un esempio di tenacia, forza e spirito di iniziativa. Grazie a lei molti giovani, anche in difficoltà, si sono avvicinati all’atletica e hanno potuto grazie al suo esempio Trovare una strada diversa nella vita.

BIBLIOGRAFIA

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

COMMENTI

ARTICOLI CORRELATI

Le nostres storie direttamente nella tua mailbox